Navigazione Principale

Valutazione VS Expertise: similitudini e differenze

Scoprire il valore effettivo di un dipinto, di un’opera d’arte o di un oggetto d’arte è una delle principali preoccupazioni per chiunque desideri vendere sul mercato d’arte. Tuttavia, c’è spesso una grande confusione quando si parla di valutazione, stima, perizia ed expertise di opere d’arte e oggetti di antiquariato; analisi che possono sembrare sinonimi, ma che in realtà presentano notevoli differenze. Quali sono le principali differenze fra valutazione e expertise? A chi rivolgersi per poter ottenere una valutazione di un’opera di cui si è incerti dell’autenticità, dell’autore e del periodo di esecuzione? Quali competenze deve possedere questo esperto?

In questa breve guida, cerchiamo di chiarire insieme questi concetti per comprendere i primi passi necessari per far valutare un proprio bene.

Che cos’è l’expertise e quando è utile

L’expertise di un’opera, che sia un quadro, un oggetto di antiquariato, un arredo oppure un manufatto, è una relazione scritta particolarmente dettagliata contenente le caratteristiche e le peculiarità di un’opera d’arte volte a determinare l’attribuzione di una determinata opera a autore specifico o a un particolare periodo storico e geografico di produzione.

Questo tipo di analisi, conosciuta come expertise, può essere redatta solo da un esperto riconosciuto e accettato nel mercato dell’arte. È essenziale per confermare l’autenticità dell’opera e attribuirla a un determinato autore, specialmente se non esistono pubblicazioni preesistenti su di essa.

Le informazioni contenute nell’expertise d’arte includono dettagli tecnici, critiche e biografiche sull’opera, nonché informazioni sullo stato di conservazione e lo stile, desunti da ricerche di archivio, documenti storici, analisi stilistiche e iconografiche, nonché da indagini diagnostiche. Inoltre, possono essere inclusi dettagli sulla storia dell’opera e sulla sua provenienza, come informazioni sui precedenti proprietari e sulle vendite passate all’asta o in vendite private, se conosciute.

Stima di un’opera d’arte: il primo passo per una corretta valutazione

Prima di procedere con la valutazione effettiva di un’opera d’arte, dopo un’analisi dettagliata dei dati disponibili, è possibile formulare una stima preliminare dell’opera soggetta a valutazione. La stima serve a determinare il suo valore economico approssimativo, basato sui prezzi di altre opere simili dello stesso autore.

La stima rappresenta il passo successivo dopo l’expertise, in cui il perito incaricato elabora un documento indicante il valore di mercato dell’opera d’arte in un dato momento storico, utilizzando specifici parametri di valutazione. Questi includono dimensioni, tecnica, qualità artistica, quotazioni massime dell’artista e le tendenze attuali del mercato artistico. Il perito stabilisce un range di valutazione minimo e massimo per l’opera soggetta a valutazione, basato su dati obiettivi e concreti.

È importante considerare che il mercato dell’arte è in costante evoluzione, quindi il valore delle opere di uno stesso artista o di un periodo storico specifico può subire variazioni sostanziali nel corso del tempo.

Valutazione di un’opera d’arte: in cosa consiste

Dopo aver effettuato la stima preliminare, si passa alla valutazione effettiva dell’opera d’arte. Il valore assegnato alle opere è basato sul “Fair Value”, che si fonda su dati reali e aggiornati. Questi includono risultati di vendita presso case d’asta nazionali e internazionali, transazioni in gallerie d’arte e, quando disponibili, vendite private.

La valutazione comprende una stima più precisa derivata da un’analisi dettagliata dell’opera d’arte. Si considerano diversi fattori come provenienza, autore, stato di conservazione, tracciabilità sul mercato, vendite precedenti (se note), partecipazione a mostre ed esposizioni pubbliche e private, materiali utilizzati, rilevanza dell’artista al momento della valutazione e tendenze di mercato sia per l’arte in generale che per la stessa corrente artistica.

In sostanza, possiamo dire che la valutazione di un’opera d’arte o di un oggetto di antiquariato fornisce una valutazione economica sintetica che offre indicazioni sia per un eventuale acquisto, con prospettive di investimento, nel caso di una futura vendita dell’opera d’arte.

Expertise e valutazione di opere d’arte a Milano: a chi rivolgersi

Risiedi a Milano o, in generale, in Lombardia e vorresti richiede una perizia per un’opera d’arte o ricevere una valutazione di un tuo oggetto di antiquariato? Il team di Antichità Giglio offre un servizio professionale di expertise, stima e valutazione, soprattutto di mobili, quadri antichi e moderni, per tutti coloro che sono interessati a conoscere il valore di mercato degli oggetti d’arte o di antiquariato in loro possesso.

Per richiedere un’expertise dei tuoi beni d’antiquariato, puoi compilare il modulo online sul nostro sito oppure inviarci foto e una breve descrizione via e-mail a info@antichitagiglio.it o tramite Whatsapp al numero 335 63.79.151.

Se invece sei interessato a vendere le tue opere d’arte o oggetti d’antiquariato, visita la nostra sezione valutazioni per scoprire come ottenere una stima preliminare gratuita per i tuoi beni di antiquariato e oggetti d’arte.

In anteprima: Scuola fiamminga della fine del XVIII secolo, Paesaggio con sottobosco (olio su tela, cm 107×152)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *