Navigazione Principale

I periodi storici più ricercati per gli oggetti d’antiquariato

A differenza di quanto molti possano pensare, riconoscere un pezzo di antiquariato autentico è tutt’altro che semplice. Infatti, accade spesso che alcuni venditori tentino di spacciare per autentici pezzi che, in realtà, sono falsi o mere imitazioni di epoche passate. Questo potrebbe rappresentare un serio problema, soprattutto per gli acquirenti meno esperti che, nel momento in cui si preparano a effettuare un investimento di valore, sono più suscettibili alle truffe, ma anche per i venditori, che potrebbero subire delle ripercussioni sulla loro reputazione professionale.

Una delle chiavi per affrontare questa problematica è la conoscenza. Da parte del collezionista, è essenziale comprendere i canoni stilistici e le caratteristiche strutturali di base per identificare il periodo di realizzazione di un oggetto del passato. Dall’altra, il venditore deve possedere una solida conoscenza del settore, garantendo un’offerta affidabile e trasparente. Solo acquisendo una buona conoscenza del mondo dell’antiquariato, è possibile ridurre al minimo il rischio di truffe e salvaguardare l’integrità di questo affascinante mercato.

Se l’antiquariato vi affascina o desiderate fare acquisti consapevoli in questo affascinante mondo, potrebbe farvi piacere sapere che esistono moltissimi oggetti d’antiquariato datati a più di 150 anni fa, altamente richiesti sul mercato, che possono accrescere notevolmente il loro valore nel corso del tempo. Scopriamo insieme quali sono le epoche e gli oggetti di antiquariato più preziosi e ricercati dai collezionisti.

Le epoche più ricercate nel mercato dell’antiquariato

Nel mondo dell’antiquariato, diversi periodi storici godono di una particolare popolarità tra i collezionisti, con oggetti provenienti da queste epoche che sono altamente ricercati. Ecco alcuni dei periodi storici più ambiti nel mercato dell’antiquariato:

1. Rinascimento (XIV-XVI secolo):

Il Rinascimento ha segnato un periodo straordinariamente florido per la rivoluzione artistica. Non sorprende che le opere d’arte e i manufatti creati in questo periodo siano tra i più ambiti e ricercati nel mercato antiquario. Durante questa epoca, si ha un’eccezionale fusione di ricerca e creatività senza limiti, unita a una profonda riscoperta della classicità, che si traduce in dipinti, arredi e mobili, quest’ultimi finemente intagliati e intarsiati con motivi geometrici complessi o raffigurazioni mitologiche, che uniscono funzionalità ed estetica in un connubio straordinario. E ancora, ceramiche rinascimentali (vasi, piatti e maioliche che narrano storie attraverso intricati disegni e colori vibranti), con la loro maestria artigianale e sofisticati decori, rappresentano ulteriori gemme collezionabili.

Contemporaneamente, in Oriente, nella Cina del XIV secolo, emergeva la Dinastia Ming (1368 – 1644), che diede impulso a una notevole produzione di ceramiche. La ceramica Ming, realizzata tra il XIV e il XVII secolo, insieme alla successiva ceramica Qing (1644 – 1911), che prosperò durante la Dinastia Qing fino al XX secolo , sono tra le più ammirate, ricercate ed emulate della storia del mondo civilizzato, con vasi finemente decorati, piatti smaltati e statuette che rappresentano l’apice dell’arte ceramica cinese. Ogni pezzo offre un affascinante viaggio nel tempo, portando con sé l’eredità artistica e culturale della dinastia Ming.

2. Barocco (XVII secolo):

Con la sua opulenza e ornamenti elaborati, il Barocco rappresenta un periodo di straordinaria grandiosità. Tra i collezionisti, i pezzi più ambiti e ricercati includono mobili imponenti dalle forme tondeggianti, arredi rivestiti con stoffe pregiate, specchi decorati, gioielli elaborati e oggetti d’argento.

3. Rococò o Barocchetto (XVIII secolo):

Nel periodo del Rococò, il design si sposa meglio con gli oggetti di dimensioni contenute, piuttosto che imporsi (così come invece nel barocco) nell’ambito dell’architettura e della scultura. Questo periodo artistico mostra una predilezione per il carattere esotico dell’arte cinese, evidente soprattutto in Francia attraverso la fervida produzione delle Chinoiserie. Le tabacchiere del periodo Rococò godono di grande popolarità tra i collezionisti e gli antiquari, insieme a porcellane, all’argenteria e agli arredi con applicazioni di inserti in metallo e pietre dure.
Per quanto riguarda l’arte mobiliera, i mobili Luigi XV di origine veneziana occupano una posizione di grande rilievo e sono tra i più prestigiosi e ambiti dai collezionisti in tutta Europa.

4. Periodo Neoclassico (fine XVIII secolo – inizio XIX secolo):

L’arredamento neoclassico, ispirato all’antica Grecia e Roma, è sempre più ricercato da un collezionismo attento e preparato. I mobili neoclassici sono più semplici e raffinati rispetto alle forme pompose del Barocco e del Rococò. Già nel Seicento, le consolles erano tra i pezzi d’arredamento più ricercati durante il Neoclassicismo e questo interesse si perpetua ancora oggi. Tra gli arredi più ambiti e particolari del periodo neoclassico del periodo neoclassico nel campo del collezionismo d’antiquariato, troviamo le lucerne. Le lucerne neoclassiche vantano una tradizione antica. Nel Sei-Settecento, importanti argentieri di quel periodo si dedicarono alla modellatura di questa forma di illuminazione, creando opere con forme e decori ispirati all’antichità classica.

5. Epoca Georgiana (VIII – XIX secolo)

L’epoca Georgiana (1714-1830) ha prodotto una vasta gamma di arredi, e diversi di questi sono ancora molto ricercati sul mercato dell’antiquariato. Alcuni degli arredi più ambiti e ricercati di questo periodo includono mobili in legno di mogano (materiale particolarmente popolare durante l’Epoca Georgiana), ampiamente utilizzati per comò, scrittoi, cassettiere e scrivanie. Gli sgabelli Chippendale, rinomati per i loro dettagli raffinati, insieme agli Specchi Chippendale, rappresentano altrettanti tesori ricercati dai collezionisti.

6. Epoca Vittoriana (XIX – inizio XX secolo)

L’età vittoriana, che coincide col regno di Vittoria, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda (1837-1901), vide una vastissima produzione di mobili in uno stile eclettico che amalgamava elementi di epoche precedenti in combinazioni sorprendenti. La tipologia di mobili vittoriani spaziava da forme lineari di legno, solitamente di tonalità scura e spesso rifiniti con pregiate radiche come il mogano e il palissandro.

I mobili vittoriani in quercia intagliata, risalenti alla fine del XIX secolo e all’inizio del XX secolo, sono attualmente oggetto di grande interesse da parte dei collezionisti, nonostante fossero considerati relativamente semplici e di poco valore al momento della loro creazione. Tra i pezzi d’arredamento più ricercati dell’era vittoriana, la credenza spicca senza dubbio come uno dei mobili più ricercati sul mercato.

7. Art Nouveau (fine XIX secolo – inizio XX secolo):

Con il suo design fluido e organico, l’Art Nouveau ha dato vita a oggetti d’arte unici che continuano a suscitare ancora oggi grande interesse tra gli appassionati di antiquariato. Oltre ai mobili, ammirati per le loro linee sinuose, i motivi floreali e l’utilizzo di materiali pregiati per intarsi e arricchimenti come il vetro colorato e il metallo lavorato, le lampade e le vetrate dell’epoca Art Nouveau attraggono un interesse particolare tra gli antiquari e gli amanti delle antichità.

8. Art Decò (XX secolo)

Nel mercato dell’antiquariato, i pezzi appartenenti al periodo Art Decò sono oggetto di particolare richiesta, abbracciando diverse categorie con caratteristiche estetiche distintive e lussuose di questo movimento artistico. Oltre ai mobili e agli oggetti d’arte in vetro, con le loro forme geometriche e lineari, e i colori vivaci, suscitano notevole interesse tra i collezionisti i servizi da tavola, come vassoi, posate e articoli per la tavola, contraddistinti da linee moderne e motivi geometrici.

Provenienti dall’epoca Art Deco, oggi suscitano un notevole interesse anche sculture, orologi, candelabri e altri manufatti in bronzo o metallo cromato. Questi pezzi d’antiquariato si contraddistinguono per i loro dettagli eleganti e riflettono lo spirito razionale derivato dalla rivoluzione industriale, abbracciando appieno il concetto di “modernità”.

Il mercato dell’antiquariato continua a prosperare grazie al fascino eterno di oggetti che hanno resistito alla prova del tempo. Mobili, dipinti, orologi, porcellane e gioielli antichi sono tra i prodotti più attenzionati dai collezionisti e dagli antiquari. Quindi, che tu sia un esperto collezionista navigato o un appassionato neofita, esplorare questo epoche non solo arricchirà la tua comprensione della maestria artigianale, dello stile e della cultura nel corso delle diverse epoche, ma ti offrirà anche preziosi consigli su quali oggetti di antiquariato dovresti investire.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *